Open top menu
Un giro per Verona: i miei perché e alcune informazioni

Un giro per Verona: i miei perché e alcune informazioni

Avatar

Vi vorrei raccontare del mio viaggio a Verona, con mia figlia di 8 anni, per darvi alcune informazioni, ma anche per conservare dentro di me questa bella esperienza.

Perché Verona?

Sicuramente perché è una cittadina da girare tranquillamente in pochi giorni, ricca di storia e dai mille monumenti. E’ una città a misura d’uomo, non invasiva o caotica, dove scoprire tanti angoli pittoreschi.

Probabilmente anche perché ho un bambino che si chiama Romeo e in fondo penso che a Matilda sarebbe piaciuto vedere i luoghi raccontati dalla bella storia di Shakespeare.

Inoltre Verona è stata dichiarata dall’UNESCO patrimonio dell’Umanità e allora perché non vivere questa esperienza?

Come andare a Verona?

Ci sono varie possibilità: aereo, macchina, treno…noi abbiamo scelto quest’ultima, anche perché c’è una grande zona pedonale, per cui la macchina, sarebbe stata pressoché inutile.

Ricordate comunque, che per spostarvi in lunghi tratti, come verso il Lago di Garda e portare i bambini a Gardaland, ad esempio, la macchina è una grande facilitazione, altrimenti vi dovete affidare ai trasporti pubblici e sperare poi che non ci siano grandi code all’interno.

Dove alloggiare?

C’è una vasta gamma di alberghi e B&B, ma volevo fare un’esperienza nuova che consiglio a tutti e si tratta di Airbnb.

Di cosa si tratta? Di un sito, dove è possibile selezionare il posto dove una persona vuole andare e selezionare dove vuole dormire: dalla camera all’interno di una casa, a un divano, alla casa a sè…con una variante di prezzi e di occasioni pazzesche e particolari e dei prezzi sicuramente migliori di un albergo.

Ho scelto una mansarda in zona Veronetta, carinissima e confortevole e ho incontrato una persona speciale e attenta alle nostre necessità come Sara Meneghini, che mi ha fornito un sacco di informazioni utili e data tanta disponibilità.

Inoltre, cosa molto importante, dal mio punto di vista eravamo libere di pranzare o cenare anche in casa, risparmiando qualcosa e decidendo meglio quando fermarsi e come cucinare.

Un grande aiuto per i miei giri lo ho avuto dalla guida di Kidsarttourism, a spasso per Verona con i bambini, e anche se ho seguito le mie esigenze è stato sicuramente un buon riferimento per tutto il viaggio.

 

maxim
Written by maxim

No comments yet.

No one have left a comment for this post yet!

Rispondi