Open top menu
Un libro che ci racconta l’universo di Frida Kahlo

Un libro che ci racconta l’universo di Frida Kahlo

Avatar

Vi parlo di un libro per bambini su Frida Kahlo di Sébastien Perez, Benjamin Lacombe , ma in realtà ne sono rimasta affascinata anche io, sia per le immagini, che per come è impostata la storia.

 

Chi non si è mai lasciato conquistare dalla vivacità caraibica e floreale dei suoi quadri?

La sua arte ha ispirato molto settori: dalla cucina alla moda, dai libri illustrati all’arredamento…

Questa devozione all’immagine della pittrice messicana, ha spesso fatto dimenticare e compromesso una conoscenza più profonda della pittrice e della sua arte…Ripercorriamola insieme!

Il libro è suddiviso negli importanti capitoli della sua vita:

  • L’incidente

E’ dal terribile incidente che ebbe giovanissima mentre sta tornando da scuola che la sua vita subisce una profonda trasformazione: nasce così sotto una pioggia d’oro…la vita l’abbandona, mentre io mi sveglio. Sembra quasi che esca fuori dal suo corpo una persona nuova, non più quella che stava studiando medicina, ma la pittrice che sarà la più importante rappresentante dell’arte messicana.

  • La medicina

Mi preparavo a studiare i corpi e alla fine è proprio il mio corpo che mi insegna e organizza la mia vita.

  • La terra

La vita non è altro che un ricominciare. Questo ci lascia detto Frida e qui vorrei aggiungere anche un legame molto forte con la sua terra, il Messico, tanto da cambiarsi la data di nascita (il 1907 per il 1910), per identificarsi nella Rivoluzione in corso nel suo paese.

  • La fauna

I tanti animali veri di cui si circondava e che animavano i suoi quadri, coccolati come i bambini che non fu in grado di avere e amati come pochi. Il soffio del loro muso umido mi asciuga gli occhi. Se fossi uno di loro sarei un’aquila dagli artigli potenti e dal becco forte, per poter volare molto in alto e vivere sulle cime.

  • L’amore

Diego, mio bel bambino. Un amore, quello fra l’elefante e la colomba, che durò fino alla fine, nonostante le rotture, i tradimenti, i divorzi e le separazioni, Diego e Frida erano imprescindibili…nessuno dei due poteva vivere senza l’altro, nel bene e nel male.

Nella mia vita ho subito due gravi incidenti: il primo è stato un tram, che mi ha rivoltato, il secondo è Diego Rivera.

  • La morte

L’ombra sopra di me procura alla terra una triste frescura. 

  • La maternità

I sogni evaporano…la tela si ricopre dei mali che danno corpo alle illusioni perdute. Grande fu in Frida la voglia di avere un figlio, che purtroppo non riuscì mai a partorire e allora dipinge questo dolore e in qualche maniera la sua arte, i suoi animali e Diego stesso diventano i suoi bambini.

  • La colonna spezzata

Ho fatto delle mie crepe una forza. In fin dei conti perché mai dovrei volere i piedi, se ho le ali per volare?

  • La posterità

Sentire nel mio proprio dolore, il dolore di tutti quelli che soffrono e attingere il coraggio dalla necessità di vivere e lottare anche per loro. Frida è stata il simbolo per i rivoluzionari, le femministe, per le minoranze, gli omosessuali…

Come sottolinea Benjamin Lacombe, uno degli autori, Frida, queste 5 lettere non hanno neanche più bisogno del cognome.

Frida rappresenta la forza, il coraggio, la passione ed è un riferimento da seguire in tutte le difficoltà, perché comunque fosse amava immensamente e incessantemente la vita!

 

maxim
Written by maxim

No comments yet.

No one have left a comment for this post yet!

Rispondi