Open top menu
Keep calm con Alessandra Redaelli

Keep calm con Alessandra Redaelli

Al CRA di San Miniato ho partecipato ad una presentazione di un libro veramente interessante di  Alessandra Redaelli, Keep calm impara a capire l’arte, di cui vi vorrei parlare, perché illumina in maniera diversa e direi accessibile a tutti un mondo a volte oscuro e difficile, quello del mondo artistico contemporaneo.

Non riesco a capire come mai ci siano più persone che credono nei medicinali di quante credono nell’arte

Damien Hirst

Diciamolo, una buona volta: l’arte contemporanea è un problema. Perché finché si tratta di andare all’ennesima mostra sugli Impressionisti oppure a una rassicurante monografica su Modigliani va tutto liscio. Ma ogni volta che ci convincono ad andare a visitare una mostra di artisti contemporanei le cose si complicano, e di molto! Frasi al neon, orinatoi capovolti, merde d’artista… Ma questa è arte? Vi è mai capitato di entrare in un museo o in una galleria in compagnia di qualcuno che davanti a un dipinto gigantesco a testa in giù, si è messo a fissare la tela come se fosse apparsa la Madonna di Lourdes? E mentre vi guardavate intorno con aria circospetta, pensando che da un momento all’altro sarebbe apparso qualcuno con una grande scala, avrebbe staccato il dipinto, e lo avrebbe messo diritto…

E’ un manuale divertente, dissacrante e pieno di aneddoti e notizie, per capire l’arte, non sentirsi mai più un pesce fuor d’acqua.

L’arte contemporanea è sicuramente oggi molto difficile da comprendere, non è più leggibile come quella del passato, con i giusti strumenti di iconografia, attributi e simboli, verosimiglianza col soggetto che ha ispirato o bellezza/terribilità dei personaggi. Diciamolo tutta: è un vero casino anche per gli addetti ai lavori!

In più ci si mette il mercato dell’arte a sballare tutto: già perché alcune opere che a noi “comuni mortali” possono sembrare cose un po’ troppo semplici o anche stupide valgono milioni di euro, perché?

La cosa migliore ci racconta Alessandra è fare un passo indietro, rilassarci e lasciarsi andare. Perché oggi l’arte è mentale , è all’artigianato che è stato lasciato il compito di produrre cose di valore e allora dobbiamo liberarci dai pregiudizi e accogliere gli stimoli, gli imput e i pensieri (anche quelli meno belli) verso un’arte che certamente ci vuole scuotere.

E in queste scosse trovare nuove vie di pensiero, nuove strade o semplicemente nuove emozioni. L’arte contemporanea ci raffigura e non possiamo prescindere di esserne specchio, nel bene e nel male.

Perché leggere questo manuale: certamente per avere una conoscienza più profonda di una parte essenziale all’uomo, che è il mondo artistico, ma soprattutto perché è divertente.

L’arte deve essere un piacere, come sottolinea l’autrice e attraverso il gioco si imparano anche meglio le cose!

L’autrice: Alessandra Redaelli è giornalista, critico d’arte e curatore di eventi di arte contemporanea. Collabora con “Arte e Antiquariato”, cura mostre in gallerie private e spazi pubblici in Italia e all’estero.

Si è occupata di manifestazioni fieristiche dedicate all’arte ed è stata membro della giuria in diversi contest di arte contemporanea.

maxim
Written by maxim

No comments yet.

No one have left a comment for this post yet!

Rispondi