Open top menu
Come diventare un esploratore del mondo

Come diventare un esploratore del mondo

Mi ricordo di averlo sfogliato per la prima volta ad una mostra a Palazzo Strozzi, d’averlo ritrovato e preso per regalarlo alla bambina di una mia amica e ritrovarmelo fra le mani nuovamente adesso, alla Libreria Blume di Fucecchio, dove non mi poteva più scappare: è il libro Come diventare un esploratore del mondo di Kery Smith.

E ve lo voglio accennare, perché poi il bello di questo libro è la scoperta, pagina dopo pagina di tutte le cose creative, che possiamo con semplicità iniziare a fare.

Vi accennerò sulla mia pagina facebook a qualcosa che potete iniziare a provare, senza svelarvi altro, perché questo libro è tutto un viaggio di scoperte dentro e fuori di noi e non ve lo voglio sciupare!

Kery Smith è un’illustratrice, artista e blogger canadese, curatrice del blog “The Wish Jar”.

In ogni momento, dovunque tu sia, esistono centinaia di cose interessanti

Attenzione, si dice sulla copertina:

“se pensi di non essere capace di usare la tua immaginazione,

rimettilo immediatamente a posto!”.

Perché ti verrà chiesto di mettere da parte lo scetticismo, eseguire compiti un po’ strani, osservare il mondo in modi che ti faranno pensare diversamente…e altro ancora, ma soprattutto ad avere un approccio più creativo verso ogni cosa, anche la più piccola e banale.

Tutto ha un valore

Queste idee sono un accumularsi di cose che ho imparato da tanti maestri e artisti nel corso degli anni e che sono diventate la base delle mie esplorazioni personali.

Come diventare un esploratore del mondo, ecco una lista di alcuni suggerimenti:

  • guarda continuamente;
  • cambia spesso i tuoi percorsi;
  • fai attenzione alle storie che si nascondono intorno a te;
  • scopri l’origine delle cose;
  • tutto è interessante, guarda più da vicino;
  • usa tutti i sensi nelle tue indagini;
  • e tanto altro!

E’ una realtà abbastanza nota, che quando si comincia a fare attenzione a qualcosa che non si era mai realmente preso in considerazione in precedenza, si comincia a vederla dappertutto. In questi casi ci si sente come se fosse questa cosa a cercare noi e non viceversa.

maxim
Written by maxim

No comments yet.

No one have left a comment for this post yet!

Rispondi