Open top menu
Margherita Hack si racconta

Margherita Hack si racconta

 

Vi vorrei parlare di un libro che mi ha molto affascinato, L’universo di Margherita di Margherita Hack, Simona Cerrato e le illustrazioni di Grazia Midasio.

Lo metto fra i libri per bambini, perché effettivamente anche io l’avevo comprato per Matilda, ma ne sono rimasta così affascinata, che anche io me lo sono letto tutto d’un fiato!

Fa parte della collana Editoriale scienza, serie dedicata alle donne, che hanno dato un grande contributo a questa materia e diventando uno stimolo e un modello in cui riconoscersi.

E’ la storia della vita della più nota astrofisica italiana, raccontata ai giovani con molta passionalità

“Margherita è un fiore semplice e bello, un fiore comune, assai popolare, che riempie i campi a giugno, proprio il mese del mio compleanno. Ed è il nome che hanno scelto per me i miei genitori…Mi hanno insegnato l’amore per la libertà e la giustizia. Margherita, un nome che è quasi un simbolo del loro modo di vedere la vita”.

Margherita Hack fiorentina e grande scienziata, che fin da giovane inizia a occuparsi della spettroscopia delle stelle, di cui ricordiamo la pubblicazione di importanti testi di ricerca universitari, insieme a libri per il grande pubblico, e che è scomparsa a 91 anni, nel 2013.

Cosa troviamo nel libro?

Tutta la vita di Margherita, scritta naturalmente in prima persona.

Dall’infanzia al primo e grande amore della sua vita, Aldo, la scuola, la famiglia e il loro affetto, lo sport e l’atletica, l’Università, i primi lavori e i viaggi all’estero, i suoi animali e la passione per la natura, il suo ruolo di Direttore dell’osservatorio di Trieste e la sua vita da “pensionata”, ma sopratutto una persona semplice e genuina che sa trasmetterci un grande amore per la vita e per la sua materia così difficile e lontana.

Ciao Margherita, è stato un privilegio averti come autrice e sostenitrice. Sei stata un esempio di coraggio e simpatia, di intelligenza e tenacia, non hai mai mollato fino alla fine. Hai lasciato un grande vuoto sia nel paese che in ognuno di noi. Guardando il cielo stellato, il nostro pensiero corre a te…In fondo, come dicevi tu, siamo tutti figli delle stelle. Editoriale Scienza

 

 

maxim
Written by maxim

No comments yet.

No one have left a comment for this post yet!

Rispondi