Open top menu
Il 500 di Firenze

Il 500 di Firenze


Warning: getimagesize(/home/arteneis/public_html/wp-content/plugins/Premium_Gallery_Manager/cache/pgallery22091840_10212657926636247_684238477_n.jpg): failed to open stream: No such file or directory in /home/arteneis/public_html/wp-content/plugins/Premium_Gallery_Manager/gallery_shortcode.php on line 152

Warning: getimagesize(/home/arteneis/public_html/wp-content/plugins/Premium_Gallery_Manager/cache/pgallery22052842_10212657925796226_20703795_n.jpg): failed to open stream: No such file or directory in /home/arteneis/public_html/wp-content/plugins/Premium_Gallery_Manager/gallery_shortcode.php on line 152

Warning: getimagesize(/home/arteneis/public_html/wp-content/plugins/Premium_Gallery_Manager/cache/pgallery22054611_10212657921796126_1890075494_n.jpg): failed to open stream: No such file or directory in /home/arteneis/public_html/wp-content/plugins/Premium_Gallery_Manager/gallery_shortcode.php on line 152

Warning: getimagesize(/home/arteneis/public_html/wp-content/plugins/Premium_Gallery_Manager/cache/pgallery22054633_10212657862594646_443853342_n.jpg): failed to open stream: No such file or directory in /home/arteneis/public_html/wp-content/plugins/Premium_Gallery_Manager/gallery_shortcode.php on line 152

Warning: getimagesize(/home/arteneis/public_html/wp-content/plugins/Premium_Gallery_Manager/cache/pgallery22054682_10212657906835752_2034141323_n.jpg): failed to open stream: No such file or directory in /home/arteneis/public_html/wp-content/plugins/Premium_Gallery_Manager/gallery_shortcode.php on line 152

Warning: getimagesize(/home/arteneis/public_html/wp-content/plugins/Premium_Gallery_Manager/cache/pgallery22091424_10212657824993706_1899754469_n.jpg): failed to open stream: No such file or directory in /home/arteneis/public_html/wp-content/plugins/Premium_Gallery_Manager/gallery_shortcode.php on line 152

Warning: getimagesize(/home/arteneis/public_html/wp-content/plugins/Premium_Gallery_Manager/cache/pgallery22091442_10212657895675473_1181945168_n.jpg): failed to open stream: No such file or directory in /home/arteneis/public_html/wp-content/plugins/Premium_Gallery_Manager/gallery_shortcode.php on line 152

Warning: getimagesize(/home/arteneis/public_html/wp-content/plugins/Premium_Gallery_Manager/cache/pgallery22091455_10212657908355790_1922854392_n.jpg): failed to open stream: No such file or directory in /home/arteneis/public_html/wp-content/plugins/Premium_Gallery_Manager/gallery_shortcode.php on line 152

Warning: getimagesize(/home/arteneis/public_html/wp-content/plugins/Premium_Gallery_Manager/cache/pgallery22091504_10212657878795051_1671164296_n.jpg): failed to open stream: No such file or directory in /home/arteneis/public_html/wp-content/plugins/Premium_Gallery_Manager/gallery_shortcode.php on line 152

Warning: getimagesize(/home/arteneis/public_html/wp-content/plugins/Premium_Gallery_Manager/cache/pgallery22091663_10212657859954580_373881811_n.jpg): failed to open stream: No such file or directory in /home/arteneis/public_html/wp-content/plugins/Premium_Gallery_Manager/gallery_shortcode.php on line 152

Warning: getimagesize(/home/arteneis/public_html/wp-content/plugins/Premium_Gallery_Manager/cache/pgallery22093316_10212657889635322_1765918892_n.jpg): failed to open stream: No such file or directory in /home/arteneis/public_html/wp-content/plugins/Premium_Gallery_Manager/gallery_shortcode.php on line 152

Warning: getimagesize(/home/arteneis/public_html/wp-content/plugins/Premium_Gallery_Manager/cache/pgallery22093384_10212657900475593_1788479426_n.jpg): failed to open stream: No such file or directory in /home/arteneis/public_html/wp-content/plugins/Premium_Gallery_Manager/gallery_shortcode.php on line 152

Warning: getimagesize(/home/arteneis/public_html/wp-content/plugins/Premium_Gallery_Manager/cache/pgallery22093435_10212657823193661_115903873_n.jpg): failed to open stream: No such file or directory in /home/arteneis/public_html/wp-content/plugins/Premium_Gallery_Manager/gallery_shortcode.php on line 152

Warning: getimagesize(/home/arteneis/public_html/wp-content/plugins/Premium_Gallery_Manager/cache/pgallery22093435_10212657892955405_1414016728_n.jpg): failed to open stream: No such file or directory in /home/arteneis/public_html/wp-content/plugins/Premium_Gallery_Manager/gallery_shortcode.php on line 152

Warning: getimagesize(/home/arteneis/public_html/wp-content/plugins/Premium_Gallery_Manager/cache/pgallery22093467_10212657860674598_330129820_n.jpg): failed to open stream: No such file or directory in /home/arteneis/public_html/wp-content/plugins/Premium_Gallery_Manager/gallery_shortcode.php on line 152

Warning: getimagesize(/home/arteneis/public_html/wp-content/plugins/Premium_Gallery_Manager/cache/pgallery22093661_10212657927716274_819667425_n.jpg): failed to open stream: No such file or directory in /home/arteneis/public_html/wp-content/plugins/Premium_Gallery_Manager/gallery_shortcode.php on line 152

Warning: getimagesize(/home/arteneis/public_html/wp-content/plugins/Premium_Gallery_Manager/cache/pgallery22119096_10212657917956030_2076386996_n.jpg): failed to open stream: No such file or directory in /home/arteneis/public_html/wp-content/plugins/Premium_Gallery_Manager/gallery_shortcode.php on line 152

Warning: getimagesize(/home/arteneis/public_html/wp-content/plugins/Premium_Gallery_Manager/cache/pgallery22119153_10212657906355740_1192551473_n.jpg): failed to open stream: No such file or directory in /home/arteneis/public_html/wp-content/plugins/Premium_Gallery_Manager/gallery_shortcode.php on line 152

Warning: getimagesize(/home/arteneis/public_html/wp-content/plugins/Premium_Gallery_Manager/cache/pgallery22119252_10212657829073808_403773716_n.jpg): failed to open stream: No such file or directory in /home/arteneis/public_html/wp-content/plugins/Premium_Gallery_Manager/gallery_shortcode.php on line 152

Warning: getimagesize(/home/arteneis/public_html/wp-content/plugins/Premium_Gallery_Manager/cache/pgallery22127447_10212657923596171_1400300296_n.jpg): failed to open stream: No such file or directory in /home/arteneis/public_html/wp-content/plugins/Premium_Gallery_Manager/gallery_shortcode.php on line 152

Warning: getimagesize(/home/arteneis/public_html/wp-content/plugins/Premium_Gallery_Manager/cache/pgallery22155107_10212657873634922_1346067625_n.jpg): failed to open stream: No such file or directory in /home/arteneis/public_html/wp-content/plugins/Premium_Gallery_Manager/gallery_shortcode.php on line 152

Warning: getimagesize(/home/arteneis/public_html/wp-content/plugins/Premium_Gallery_Manager/cache/pgallery22155406_10212657915395966_670735884_n.jpg): failed to open stream: No such file or directory in /home/arteneis/public_html/wp-content/plugins/Premium_Gallery_Manager/gallery_shortcode.php on line 152

Ho avuto la bella occasione di partecipare all’inaugurazione della nuova mostra organizzata da Palazzo Strozzi: Il Cinquecento a Firenze “maniera moderna” e controriforma. Tra Michelangelo, Pontormo e Gianbologna, la mostra, curata da Antonio Natali e  Carlo Falciani, che chiude il ciclo avviato nel 2010 con Bronzino e ripreso quattro anni dopo, con Pontormo e Rosso Fiorentino.

Ve la voglio raccontare perché questa mostra rivela tanti aspetti nascosti e inaspettati di un secolo, che ancora rimane nella città di Firenze come immortale per l’arte.

Il Cinquecento è a Firenze però il suo cinquecento e questo secolo non è solo Firenze.

Qui è stato sicuramente un periodo nel quale venivano improvvisamente spalancate le porte per la modernità, dove fiorivano idee e dove l’arte e la cultura dava il suo meglio.

E sicuramente Palazzo Strozzi con le sue mostre vuole educare al bello e portare l’arte alle persone con attività per le famiglie e le scuole, convegni, kit da dare ai più piccoli o visite per i ragazzi in forma di conversazione o ancora percorsi guidati dai restauratori o pensati per gli stranieri.

E che dire della speciale Pausa pranzo dedicata all’arte? O al progetto speciale di alternanza scuola-lavoro?

Che dire ce n’è per tutti i gusti!

Sicuramente questa mostra poi è una sfida.

E’ un tema difficile da affrontare, perché in primo luogo non è facile parlare di questo secolo d’oro, senza scadere nella banalità e sicuramente senza osservare veramente tutti gli artisti che l’anno popolato, così diversi, ognuno con il suo stile e la sua maniera di interpretare la realtà, dove i confronti a volte non riescono.

In mostra si offrono al pubblico opere belle, per stupire ancora una volta i visitatori e il percorso parte dall’inizio di questo secolo, perché solo così si potrà spiegarne il finale.

L’intento è quello di offrire anche un’esposizione subito comprensibile e approfondire il tutto potendo vedere anche i luoghi della città più legati all’evento, è il fuorimostra.

Mi sembra giusto dire, come sono venuta a conoscenza alla Conferenza Stampa, perché visitare questa mostra.

Ecco alcune delle principali ragioni:

  • Le tre Deposizioni di Pontormo, Rosso Fiorentino e Bronzino sono per la prima volta riunite.
  • Il Cristo deposto del Bronzino proveniente da Besançon è di nuovo in Italia dopo quasi 500 anni in Italia.
  • Vedere restaurato il Dio Fluviale di Michelangelo.
  • Ammirare le Pale d’Altare più significative.
  • Le opere di Santi di Tito e di altri artisti finora meno studiati, ma comunque grandiosi.
  • L’ultima opera del Bronzino, finora mai esposta.
  • Le sfavillanti opere di arte profana.

QUESTO IL PERCORSO DEL NOSTRO CINQUECENTO

  • I MAESTRI

Le prime due sale riassumono quanto era stato presentato nelle mostre precedenti, esibendo opere non esposte allora e accostando capolavori degli anni venti del Cinquecento, di quegli artisti che sarebbero stati i maestri indiscussi di tutto un secolo: Andrea del Sarto e Michelangelo.

  • PRIMA DEL 1550

Questa è la sala dove prendono posto in un dialogo perfetto le tre Pale che hanno avuto buona influenza sull’arte occidentale: La Deposizione dalla Croce di Rosso Fiorentino, La Deposizione di Pontormo e il Cristo deposto di Besançon del Bronzino.

La seconda parte della sala offre un panorama delle arti fiorentine fino alla prima edizione delle Vite di Giorgio Vasari, grande storiografo, ma che ci ha dato la sua versione dell’arte del Cinquecento, fatta di simpatie e antipatie artistiche.

In questa sala vediamo anche la nascita di quei linguaggi, che verranno rielaborati in seguito.

  • ALTARI DELLA CONTRORIFORMA

La sala è dedicata alle opere create nello spirito della Controriforma, che qui vogliamo chiamare Riforma cattolica e sostenuta a Firenze da Cosimo de’ Medici.

Questi dipinti dovevano raffigurare episodi sacri comprensibili a tutti e includere personaggi dagli abiti moderni per facilitare l’immedesimazione dei credenti, coinvolgendoli anche a livello emotivo.

Molti di questi artisti furono anche quelli che lavorarono per lo studiolo di Francesco I, dove affrontarono temi profani, per cui il discrimine fra i due generi è veramente sottile.

  • RITRATTI

Nella ritrattistica fiorentina della seconda metà del Cinquecento ritroviamo la stessa vivacità di stili, che ritroviamo nello Studiolo e vediamo ritratti tanti personaggi di punta del momento.

  • GLI STILI DELLO STUDIOLO. E OLTRE

Lo Studiolo era un luogo creato per la collezione di “cose rare e preziose” di Francesco I, secondo il complesso legame fra arte e natura.

La partecipazione di trentuno artisti alla sua decorazione lo rendono una vera e propria summa della varietà degli stili, che convivevano a Firenze alla fine del ‘500.

Artefici tutti capaci di adeguarsi al decoro e alla sobrietà nella raffigurazione di soggetti religiosi, ma anche abili di grande libertà espressiva quando si trovavano a dover eseguire pitture profane.

  • ALLEGORIE E MITI

La sala è pensata alla stregua di un contraltare di quella dedicata all’arte sacra, per ribadire come a Firenze gli stessi artisti che aderiscono alla Controriforma, percorrono in parallelo una via allegorica e ricca di sensualità.

  • AVVIO AL SEICENTO

La sala raccoglie opere sacre, ancora in linea con La sensibilità della Controriforma, ma in un’ottica nuova, dove la prospettiva diventa asimmetrica e si fa più simbolica.

In città intanto si diffonde il naturalismo legato a Federico Barocci e Bronzino e Allori lavorano per rendere quasi tattili le loro rappresentazioni.

  • AVVIO AL SEICENTO

Nell’ultima sala ci si avvia ormai verso il nuovo secolo, non si guarda più al glorioso passato ma ci si avvia al nuovo.

E con personaggi come Santi di Tito, Ludovico Cardi, detto Il Cigoli o Gregorio Pagani si inizia a osservare e prendere in considerazione anche l’espressività veneta ed emiliana, che privilegiavano il colore e le note luministiche e una linea sicuramente più in linea con la rappresentazione del reale.

 

Indubbiamente mostra articolata e non semplice per gli organizzatori, che hanno messo insieme tante prime donne.

Cosa avrei aggiunto io nelle prime sale?

Fra Bartolomeo da cui insieme ad Andrea del Sarto, prese il via l’anticlassicismo di Rosso e Pontormo.

Perché morti i tre grandi geni dell’arte questi due artisti, insieme al Beccafumi, trovarono la maniera di andare oltre la grandezza di Leonardo, Raffaello e Michelangelo, ma furono gli altri due artisti fiorentini loro “maestri”, che tradussero il linguaggio dei grandi continuando a ripetere le loro formule all’infinito.

Tanto che i più giovani sognarono una loro svolta sregolata!

description description description description description description description description description description description description description description description description description description description description description description
ilaria
Written by ilaria

No comments yet.

No one have left a comment for this post yet!

Rispondi