Open top menu
E la banana…di Andy Warhol

E la banana…di Andy Warhol

Oggi vi voglio raccontare qualcosa sul famoso frutto che Lou Reed scelse per la copertina di un suo album e che fu proprio Andy Warhol a disegnare: la famosa banana.

Ieri fra l’altro trovai anche un articolo sulla Nazione e visto che attualmente c’è la bellissima mostra a Lucca al Lu.C.C.A. – Lucca Center of Contemporary Art e io avevo già pronto una bozza, per parlarvi delle vicende intorno al frutto diventato così pop…

…ecco la sua STORIA!

Lou Reed è stato una delle figure più leggendarie del rock’n’roll, prima come leader del gruppo rivoluzionario dei Velvet Underground e poi come artista solista.

Angelo nero della musica, con la sua perenne ricerca verso la una composizione perfetta,

incarnazione del mito sesso, droga & rock ‘n roll 

Nel 1966, Lou Reed fonda i Velvet Underground e il gruppo viene inglobato nella Factory di Andy Warhol, che finanziò il loro primo album The Velvet Underground & Nico, permettendo al gruppo di affermarsi come uno dei più innovativi sulla scena musicale newyorkese.

E fu proprio il re della Pop art a disegnare la famosa banana, che era la copertina di questo primo album.

Nella prima versione era un’immagine abbastanza provocatoria, come era nello stile di Andy Warhol.

“Le masse vogliono apparire anticonformiste, così questo significa che l’anticonformismo deve essere prodotto per le masse”

Frutto al centro di varie polemiche, perché negli anni è diventato il simbolo della band, ma che la Fondazione Andy Warhol ha impiegata per cover e prodotti di iPad e iPhone, violando il copyright.

Poi cosa è successo?

Qualche anno fa ci fu una causa, persa proprio dai Velvet Underground, per il semplice fatto che come tutta l’arte di Andy Warhol la banana in questione…

è un’immagine di pubblico dominio, che non può essere protetta.

Lou Reed amareggiato fece a pezzetti la loro immagine simbolo.

Adesso l’arte di Warhol  sarà più  vicina alla musica magica di Lou Reed e chissà cosa ancora si inventeranno!

maxim
Written by maxim

No comments yet.

No one have left a comment for this post yet!

Rispondi