Open top menu
Viva la Vida, sempre!

Viva la Vida, sempre!

Prima di altre cose, in questo momento, ho bisogno di ripartire da me e dalla mia passione, perché sarà sempre parte di quello che sono, nel bene e nel male e per tornare a pensare Viva la vida, sempre!

Già perché dopo tutti i miei articoli su Frida Kahlo, non potevo non accostarmi al suo pensiero per ricominciare.

Mi riesce difficile riaccostarmi al mio blog, terra libera per me, valvola di sfogo creativo e terapeutico, dove investire forza, energia e tempo non mi costa fatica, perché fatto con amore.

Qualche giorno fa è successo un fatto che mi ha buttato molto giù, tenendomi lontana dal computer, dal sito e da me. Avevo bisogno di tempo per riflettere e digerire cosa era successo. Tempo.

Un malinteso, in cui è sembrato che io avessi copiato un articolo, ma che in realtà avevo rifatto ispirandomi a quello, perché così avevo capito. Un casino che è venuto fuori e risolto in parte, perché dentro mi ha lasciato amarezza.

Amarezza in me e nelle altre persone coinvolte, che mi ha tenuta in un limbo, dove preferivo evitare ogni “connessione”, ma che adesso voglio affrontare.

Sinceramente non sono mai stata granché a copiare a scuola, nei compiti di matematica rifacevo le dimostrazioni per non imparare a mente le formule. In quinta superiore rischiai un “fuori tema”, alla maturità, perché volevo fare come mi pareva (poi ci presi 9). Non copiavo le mode, le mie amiche, uno stile o le preferenze, perché mi è sempre piaciuta la mia unicità.

Potrei mandare tutto al diavolo, potrei lasciar perdere, non lottare più, non crescere più e piangermi addosso, ma non lo farò, perché anche questo ho imparato e perché è una parte di me.

Reagisco perché voglio vivere, perché la vita è anche come tu decidi di prendere le cose.

Perché quando due anni fa non ci vedevo più da un occhio, non riuscivo comunque a smettere di leggere e scrivere e seguire “i miei talenti” mi faceva stare meglio.

Perché non sempre siamo fortunati e a volte ti alzi una mattina e scopri che qualcosa sta minando la tua salute, ma decidi di mettere in moto tutte le tue risorse e combatti.

Rasi al suolo ogni cosa per ripartire da te stessa.

A volte rimani sola, fai vari percorsi interiori, ma continui a sognare, sperare, vivere.

Decidi che la vita è troppo breve per non essere vissuta pienamente e cerchi tutte le cose che le danno colore.

E allora tiri fuori quella che sei, che non è quella che gli altri sognano che tu sia, perdi e conquisti molto, dici di no senza più tanti problemi e sei grata anche per le piccole cose, che prima ignoravi, ma che sono una grande fortuna.

Rischi di non essere sempre capita, compresa o amata, è più difficile, ma anche rimanere immobili è difficile.

E allora rischi il tutto per tutto per te stessa, perché se ti vuoi bene e vibri, sarà più facile poi farlo con gli altri.

In tutto questo ho fatto mille giri e ho capito certamente meglio quello che mi faceva star bene.

Le parole, le sfumature, lo scrivere, i pensieri, sono sempre stati buoni amici di viaggio e fedeli compagni nella buona e nella cattiva sorte.

E allora in un momento come questo voglio combattere. E dare un messaggio a tutti sulla grande forza che ognuno ha dentro di sé, se lo vuole.

Per me è lottare per l’amore, che ho per la scrittura, per l’arte, per i colori e per la vita, che ci dà tanti giri di giostra, dove a volte riesci ad acchiappare il pupazzo e altre rimani senza il biglietto… ma VIVA LA VIDA, sempre!

 

maxim
Written by maxim

No comments yet.

No one have left a comment for this post yet!

Rispondi