Open top menu
Roberto Carradori alla Toffee’s Art Gallery di San Miniato

Roberto Carradori alla Toffee’s Art Gallery di San Miniato


Warning: getimagesize(/home/arteneis/public_html/wp-content/plugins/Premium_Gallery_Manager/cache/pgallery17799970_10211127903466624_235882865808167250_n.jpg): failed to open stream: No such file or directory in /home/arteneis/public_html/wp-content/plugins/Premium_Gallery_Manager/gallery_shortcode.php on line 152

Warning: getimagesize(/home/arteneis/public_html/wp-content/plugins/Premium_Gallery_Manager/cache/pgallerydownload.jpg): failed to open stream: No such file or directory in /home/arteneis/public_html/wp-content/plugins/Premium_Gallery_Manager/gallery_shortcode.php on line 152

Warning: getimagesize(/home/arteneis/public_html/wp-content/plugins/Premium_Gallery_Manager/cache/pgallery1231253_1429320350632419_2071978717_n.jpg): failed to open stream: No such file or directory in /home/arteneis/public_html/wp-content/plugins/Premium_Gallery_Manager/gallery_shortcode.php on line 152

Warning: getimagesize(/home/arteneis/public_html/wp-content/plugins/Premium_Gallery_Manager/cache/pgallery1479518_1428382584059529_114223855_n.jpg): failed to open stream: No such file or directory in /home/arteneis/public_html/wp-content/plugins/Premium_Gallery_Manager/gallery_shortcode.php on line 152

Warning: getimagesize(/home/arteneis/public_html/wp-content/plugins/Premium_Gallery_Manager/cache/pgallery1502476_1430367457194375_1678080077_n.jpg): failed to open stream: No such file or directory in /home/arteneis/public_html/wp-content/plugins/Premium_Gallery_Manager/gallery_shortcode.php on line 152

Warning: getimagesize(/home/arteneis/public_html/wp-content/plugins/Premium_Gallery_Manager/cache/pgallery1507126_1428470744050713_785713783_n.jpg): failed to open stream: No such file or directory in /home/arteneis/public_html/wp-content/plugins/Premium_Gallery_Manager/gallery_shortcode.php on line 152

Warning: getimagesize(/home/arteneis/public_html/wp-content/plugins/Premium_Gallery_Manager/cache/pgallery1898138_1443440512553736_930282966_n.jpg): failed to open stream: No such file or directory in /home/arteneis/public_html/wp-content/plugins/Premium_Gallery_Manager/gallery_shortcode.php on line 152
Avatar

Andai sabato all’inaugurazione della mostra di Roberto Carradori, sia per visitare la bellissima galleria, la Toffee’s Art Gallery, situata nel centro storico di San Miniato, sia per conoscere meglio questo artista.

Roberto è di Pistoia anche se, come mi ha spiegato, è spesso in giro per l’Italia, in quanto il suo mestiere di medico anestesista e la condizione di libero professionista, gli richiedono spesso degli spostamenti.

La sua è certamente una professione di grande responsabilità e quando riesce a staccare, trova nell’arte una sorta di terapia d’urto e di rilassatezza, che spesso non si può concedere.

Mi ha raccontato che fu il padre, quando era ragazzetto a incentivarlo verso l’arte e che vedeva in lui le doti e le inclinazioni giuste.

Lo mandò allora a “bottega”, da un famoso artista. Roberto partì tutto entusiasta con colori e pennelli, ma il maestro lo mise a tavolino, dicendogli, che prima doveva imparare a far bene i particolari.

Ben presto si stancò di riprodurre occhi, volti, sguardi e sorrisi, espressioni…col senno di poi sono quelli meglio riusciti nella sua pittura.

ORA VORREI PRESENTARVELO MEGLIO ATTRAVERSO LE SUE PAROLE

D- Qual’è la fonte principale della tua ispirazione?

R-La fonte principale della mia ispirazione è la realtà, la realtà che descrive il mio tempo. Le immagini che prediligo sono scene urbane, dalle quali amo ritrarre i soggetti in situazioni reali e spontanee.

Amo rappresentare i piccoli fenomeni del quotidiano così come appaiono, non solo nella loro bellezza, ma anche negli aspetti più sgradevoli e meno indagati, a volte trascurati.

D- Cosa vuoi raccontare con la tua arte?

R- In ogni mia opera voglio raccontare una storia, indagando la realtà con un linguaggio diretto e privo di abbellimenti, che ritraggo con impersonale distacco di un osservatore oggettivo, cercando di cogliere l’essenza più profonda.

D- Perché dipingi questi soggetti?
R- La ragione per cui prediligo dipingere questo tipo di soggetti, probabilmente è dovuta all’altra mia grande passione che è la fotografia, con la quale mi dedico soprattutto alla street photografy, genere fotografico che ha come interesse principale le vicende umane. la strada, intesa come luogo privilegiato di osservazione dei fenomeni umani, contenitore visivo di storie, destini, avvenimenti.

D- In quale genere ti inserisci, Roberto?
R- La mia pittura appartiene al genere figurativo, e, a differenza del genere astratto, nel quale l’artista suscita emozioni attraverso l’uso dei colori, forme e linee, io voglio suscitare emozioni e fare riflettere l’osservatore con immagini reali. Davanti a un quadro astratto l’osservatore dà una sua interpretazione, che non sempre coincide con quella dell’artista, si tratta di un’interpretazione soggettiva. I quadri astratti sono quadri “liberi”, dove l’osservatore vede quello che vuole. I miei quadri invece sono tutt’altro che liberi, infatti, in ogni mia opera cerco di raccontare una storia con immagini semplici e reali senza bisogno di spiegazioni.

D- Quale artista è tua fonte di ispirazione?
R- Certamente mi ha ispirato la mia arte e che in qualche modo influenza il mio stile è Edward Hopper, l’artista statunitense, che dipingeva anche lui la quotidianità del suo tempo. Mentre per il pensiero sulla pittura, che per questo è figurativa, è certamente Gustave Courbet. Questi sosteneva: “La pittura è un’arte essenzialmente concreta e può consistere soltanto nella rappresentazione delle cose reali ed esistenti”… e ancora, “un oggetto astratto, invisibile, che non esiste, è estraneo all’ambito della pittura”.

 

Grazie mille Roberto Carradori di averci dato modo di conoscere meglio la tua arte e un invito per tutti a visitare la tua bella mostra alla Toffee’s Art Gallery di San Miniato, dove sarà visibile fino al 27 aprile, con i seguenti orari:

Orari: dal martedì al venerdì dalle 14.00 alle 20.00
sabato e domenica dalle 15.00 alle 22.30 – lunedì chiuso.
Ingresso libero.

description description description description description description description
maxim
Written by maxim

No comments yet.

No one have left a comment for this post yet!

Rispondi